mercoledì 29 settembre 2010

Il modo migliore per realizzare i proprio sogni è svegliarsi

Qualche giorno fa ho iniziato a leggere "Le perfezioni provvisorie" di Gianrico Carofiglio. L'ho acquistato insieme ad "Acciaio" di Silvia Avallone e "Bianca come il latte, rossa come il sangue" di Alessandro D'Avenia per leggere qualcosa di nuovo. C'è chi snobba i best seller e da finto intenditore opta per l'acquisto di libri sconosciuti e dal gusto ricercato, giusto per darsi un tono, c'è poi chi intenditore lo è davvero e riconosce un buon libro dal suo contenuto, senza badare ai milioni di copie  o meno vendute, perchè si riconosce nei protagonisti della storia, che magari parlano o si muovono come lui o semplicemente perchè alcuni capoversi sono in grado di scuoterlo, in maniera violenta e fargli provare emozioni forti o accarezzano dolcemente la sua fantasia e lo cullano.

Il mio rapporto con i libri è invece strano e altalenante. Ho sempre preferito scrivere invece di leggere,
un tantino presuntuoso da parte mia, lo so, anche perchè chi legge apre la mente, arricchisce il proprio vocabolario e si nutre di storie, idee e fatti che possono essere utilizzati come spunti. Io invece  involontariamente sono sempre stata una maniaca di penne, agende, diari, di pensieri sparsi scritti dove capita; sono quella delle idee da mettere su carta appena arrivano, come stanotte (anche se non ricordo cosa avrei voluto scrivere); quella che scrive fin quando le dita e la mente l'accompagnano, ma anche quella che ancora non riesce ad esprimersi completamente: prima o poi le sue dita rallentano sulla tastiera e d'improvviso si bloccano. Per mancanza di idee. Forse perchè avrei dovuto leggere di più. Ecco perchè vorrei recuperare il tempo perso.

Mi accorgo quindi che non sono poi così perfetta, che l'essere una buona penna è una banalità inventata dai miei cari, dagli insegnanti di tutta una vita e  da tutte quelle persone che hanno condiviso qualcosa con me. E mi trovo a vivere il disagio di dover convivere con una mole di pensieri ammassati nella mia mente, che spesso fanno anche male, martellano il mio cervello, mi obbligano ad ascoltarli, mi implorano di metterli su carta, dove capita, ma senza essere in grado di andare fino in fondo, forse ancora poco matura o semplicemente non pronta, non sono in grado di dare loro ciò che vogliono. Allora scatta la frustrazione, la paura di non farcela. A combattere per i miei sogni intendo, a svegliarmi per realizzarli, proprio come suggerisce Paul Valery ripreso nelle prime pagine dell'ultimo libro di Carofiglio.

E un senso di inadeguatezza mi assale, quello che sicuramente tanti ragazzi della mia età provano, combattuti tra il perseguire la felicità cercando di realizzare i propri sogni e il cercare di essere quanto più concreti e ambiziosi possibile, per sopravvivere alla realtà quotidiana, che non perdona i perditempo e gli oziosi e nemmeno i visionari e i sognatori. La sensazione di non aver fatto abbastanza, dunque, di aver speso le proprie energie per cose futili, sciocchezze che  al momento non ripagano e magari non aver provato mai concretamente a far qualcosa per aiutare quel sogno a diventare realtà. 

Di certo l'indecisione non aiuta, come neanche la consapevolezza dell'esistenza di tante realtà diverse dal piccolo mondo che alcuni preferiscono ritagliarsi su misura. Non aiuta inoltre l'essere consapevoli dei molti talenti a disposizione. Perchè, lo ammetto, ho provato a cimentarmi in tante, troppe cose, la maggior parte delle volte con risultati lodevoli, senza l'aiuto di nessuno. Tutto ciò ha spesso alimentato in me la convizione che un talento accantonato è in qualche modo sprecato e se invece di gettarlo lo si conserva amorevolmente in un cassetto, prima o poi potrà essere sfruttato. In ventitré anni ho conservato milioni di idee, talenti e desideri, mi sono illusa che un giorno li avrei usati tutti, con il risultato che adesso sono davanti a tante porte e non so quale aprire, perchè ho una fottuta paura che una volta chiusa dietro le mie spalle quella scelta, non potrei mai tornare indietro e aprirne un'altra.

La verità è che per andare avanti sono indispensabili  personalità, ambizione e una buona dose di strafottenza e noncuranza, per non lasciarsi abbattere dai momenti negativi e risalire a galla velocemente, senza perdite di tempo. La verità è che non mi sono mai svegliata dai miei sogni e fin quando sarò comodamente al calduccio nel mio letto, non potrò mai viverli, o per lo meno non potrò mai dire di aver provato sul serio a realizzarli!

9 commenti:

fidyabeauty 29 settembre 2010 11:50  

Bellissima citazione...ma davvero i sogni possono avverarsi solo svegliandosi, non credo, ma è un ottimo primo passo! Un bacio Anna

Anna 29 settembre 2010 12:01  

Ehehe, è per questo che dovrei svegliarmi! :)

accidiosav 29 settembre 2010 12:01  

Dopo questa citazione mi fai venire voglia di riprendere in mano questo libro..l'ho iniziato durante la sessione d'esami, ma mollato lì perchè troppo lento..
Visto come sembra continuare però mi sa che un'altra occasione gliela darò volentieri :)

Vale

Anna 29 settembre 2010 12:04  

Vale la citazione è di Paul Valéry e la si trova a pag.14 del libro. Davvero è così lento?

accidiosav 29 settembre 2010 20:53  

Può essere perchè ero sotto esami eheh :)
Io sono arrivata circa a pagina 20 e l'avevo trovato talmente noiosetto che mi ero fin persa questa frase..

Francescast.84 30 settembre 2010 11:08  

le perfezioni provvisorie di Carofiglio è uno dei libri che ho letto quest'estate sotto l'ombrellone...è una delle miglior storie che abbia mai letto, e ti dirò, mi è piaciuto così tanto il modo di scrivere di questo autore che non vedo l'ora di leggerne altri suoi! aspetto un tuo giudizio quando l'hai finito! buona giornata
baci

Anna 30 settembre 2010 14:09  

Ciao Francesca! Carofiglio l'ho seguito durante una conferenza stampa all'interno della manifestazione de "I dialoghi di Trani" (per l'occasione sono riuscita anche a intervistare Pupi Avati :)). Il libro mi sembra interessante, con molti tecnicismi tipici del mestiere, ma bello. Ti dirò appena terminato! Un bacio

beppe 19 ottobre 2010 12:54  

Anch'io ho letto da poco Carofiglio (di cui ti consiglio anche "Il passato è una terra straniera") e Acciaio.
Anch'io sento sempre il bisogno di scrivere e riempio Moleskine su Moleskine.
Si chiama irrequietezza...

Anna 26 ottobre 2010 10:52  

Ciao Beppe, scusa se rispondo solo ora! "Il passato è una terra straniera mi incuriosisce molto" (dovrei ricordarmi di vedere anche il film!), sarà sicuramente una delle mie prossime letture.

Quanto all'irrequietezza, se ci fa riempire pagine e pagine di diari spero davvero che non passi mai!:)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

  © Blogger templates The Professional Template by Ourblogtemplates.com 2008

Back to TOP