lunedì 7 novembre 2011

La matassa


L'impellente desiderio di scrivere che diventa un'esigenza. Quando le dita sulla tastiera decidono cosa fare al posto tuo e probabilmente ciò che ne verrà fuori sarà un giro di parole senza senso. Tornare a scrivere solo per il gusto di farlo, dopo giorni, settimane di silenzio, è un po’ come liberarsi. Come un vaso pieno d’acqua che ha appena superato l’orlo e il suo contenuto vien giù inesorabilmente. La sensazione che si prova nello svuotarsi è piacevole, ti ricorda chi sei davvero, chi temi di diventare e chi di sicuro non vuoi essere.

Appunti sparsi su mille piccoli fogli gialli, agende piene di scarabocchi, scrivanie zeppe di libri, cose da ricordare e note, senza mai avere il tempo per me, per dedicarmi alle cose che amo, senza l’assillo dei minuti contati e del mio nemico più grande, la paura di iniziare qualcosa, qualsiasi cosa. Perché tutto sta sempre nell'iniziare e la sensazione di smarrimento è  simile a  quella che si ha davanti a un’enorme matassa ingarbugliata da srotolare.

Difficile mettere le emozioni nero su bianco. Ancora più difficile capire da cosa cominciare a raccontare. Oltre al fatto che nell'ultimo anno ho accumulato una quantità talmente elevata di vissuto ed esperienze che se pensassi ancora un po' rischierei di farmi esplodere il cervello. Prima o poi mi convincerò che il modo migliore di liberarsene è "vomitarli" (le orecchie sensibili mi scuseranno, ma rende meglio l'idea) in un libro.


In attesa del filo conduttore che leghi le parole di un libro tutto mio, mi tengo allenata con letture spensierate, come quella - piacevole e tutta di un fiato di ritorno in treno da un fine settimana barlettano - dell'ultimo libro di Carla Signoris "Meglio vedove che male accompagnate". Si parla di amore, amicizia, tradimenti, lavoro, maternità. Si parla di donne insomma, chi altro sennò? Buon inizio di settimana gente!

4 commenti:

Shaina ♥ 7 novembre 2011 08:35  

Perché hai paura di iniziare le cose? A me emoziona sempre la novità! Il problema poi è trovare la costanza per mandarle avanti...

Anna 7 novembre 2011 09:39  

Più che paura vera è propria è una sensazione di smarrimento, perchè di solito ahimè, inizio più cose contemporaneamente e non sono abbastanza costante da continuarle tutte per bene. Quindi spesso mi blocco anche prima di iniziare...I meccanismi contorti della mia mente! :)

Federica 7 novembre 2011 19:55  

Mi ispiira un sacco il libro che hai citato!!Mi sa che farò un salto in libreria!

Www.Mytoucohclass.Net

Anna 7 novembre 2011 20:00  

Sono contenta Federica! Il libro è molto piacevole, perfetto per distrarsi un po'.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

  © Blogger templates The Professional Template by Ourblogtemplates.com 2008

Back to TOP