giovedì 27 ottobre 2011

Non è assolutamente un paese per giovani


Chi nel tempo ha imparato a conoscermi e a seguire i miei discorsi più o meno sconclusionati può sicuramente affermare che il mio blog non è mai stato polemico, né volutamente attento all’attualità. Ho sempre preferito che restasse uno spazio tutto mio, anche a costo di risultare un po’ frivolo e quasi del tutto isolato dai fatti del mondo. Niente menzioni particolari a personaggi dello spettacolo da poco scomparsi (nonostante più volte sentissi alcuni particolarmente vicini), né tanto meno alla miriade di disgrazie e catastrofi dell’ultimo minuto, bandita la politica e pochissimo sarcasmo, assolutamente non in linea con il tono più leggero delle mie pagine.

Restare in silenzio però in alcuni casi è davvero ingiusto, oserei dire quasi un reato. E’ un po’ come essere omertosi e negare che un problema esista, è come non sentirlo vicino e non voler far nulla per migliorare una brutta situazione, e ammettere a se stessi di non aver nemmeno provato a far luce su una determinata tematica, è davvero molto triste. Ci sono infatti dei problemi che affliggono un elevato tasso di popolazione tanto seri che non si possono ignorare e vista l’età della sottoscritta proprietaria di questo blog, le esperienze pregresse e le prospettive future, credo proprio di non poter fare a meno di dedicare qualche riga alla vera piaga che affligge i giovani della nostra generazione: il futuro. Precario, incerto, buio.

Non si tratta di una presa di coscienza dell’ultimo minuto, ma di un pensiero nato in me fin dalla prima volta che mi è stato chiesto seriamente cosa volessi fare da grande, maturato durante gli anni di studi, la formazione e le prime esperienze lavorative, esploso negli ultimi mesi, vista tutta l’incertezza che ci circonda, la pseudo-crisi mondiale che ci affligge e i ripetuti rifiuti, ad andar bene, nel peggiore dei casi in realtà domande e richieste lavorative alle quali non è mai seguita una risposta. La decisione di dedicarvi un post nasce poi dalla visione online di “Generazione Sfruttata”, puntata del 2 ottobre di Presa Diretta, il programma condotto da Riccardo Iacona in onda su Rai Tre la domenica. Ne parlo solo ora per questioni pratiche, ma credo che non è mai troppo tardi per riflettere su un’emergenza che riguarda noi giovani, ma anche tutte le persone sensibili alle nostre problematiche.

La chiamano Generazione a perdere la nostra, quella senza lavoro, senza prospettive di un futuro, quantomeno pieno di speranze. Una generazione rubata, privata, alla quale è stato negato anche il diritto di sognare di realizzare i propri progetti, dopo anni di studi ed esperienze, formazione, stage, contratti precari, dopo tutta l’ansia, lo stress, il panico, i pianti e le speranze, dopo competenze accumulate e impilate su una scrivania, lavori con contratti tanto assurdi quanto i loro nomi impronunciabili, vita all’estero da fame e stage in aziende importanti. La nostra, la generazione saltata, sfruttata e umiliata, dal futuro incerto, precario, disumano, inammissibile.

A lungo involontariamente ho respinto l’idea di poterne far parte, posticipavo il pensiero al giorno seguente alla mia laurea, poi gli eventi della vita mi hanno investito in pieno come un treno e ho dovuto affrontare la mia più grande paura. E così da dieci mesi anch’io vivo da sola, lontana dai miei affetti e faccio parte dell’ormai tristemente celebre repubblica degli stagisti, anche se presto sarò costretta a ritornare a casa, a causa di uno stage che nel giro di pochi mesi scadrà senza possibilità di assunzione. Da dieci mesi anch’io mi faccio forza con le speranze più improponibili, ho assunto la stupida convinzione che non sono l’unica, che c’è chi sta peggio di me e vivo nell’illusione che l’esperienza di un anno accumulata, lottata e meritata, mi tornerà utile, anche solo a fare curriculum, ad aprire la strada ai miei sogni, a dimostrare che valgo qualcosa, a ricordarmi di lottare per un futuro migliore.

Ma sarà davvero migliore il nostro futuro? E quanti al potere sono realmente disposti a mettere nero su bianco questa piaga e a trovare soluzioni concrete? E poi, ci saranno davvero soluzioni realizzabili in un tempo più o meno breve? In poco più di un’ora Generazione Sfruttata sbatte sullo schermo la più cruda delle verità, descrive ansie e frustrazioni dei giovani di oggi, sfata tutti i cliché, rivela la triste realtà di questi pessimi anni da cancellare e fa rabbrividire già dopo i primi minuti di documentario.

Dati alla mano siamo la generazione più preparata, formata e specializzata, eppure al tempo stesso quella più sfruttata, derisa, ignorata. Siamo quelli costretti a scegliere lavori diversi dal nostro percorso di studi, perché ormai considerati poco remunerativi o "campati in aria", quelli costretti ad accettare sulla soglia dei trent’anni ancora stage, per di più non retribuiti, quelli che, nauseati dalla situazione qui in Italia, dalle caste, dalle raccomandazioni, dall’ignoranza, partiamo per l’estero alla ricerca di una carriera più dignitosa e magari troviamo chi apprezza realmente le nostre capacità, sposiamo una persona del luogo, facciamo anche dei figli e mai, per nessun motivo, decidiamo di tornare in patria. Siamo quelli che ormai stanchi dell’incertezza e assolutamente non in grado di pagare un affitto con uno stipendio da miseria, facciamo più lavori contemporaneamente, sopravviviamo e proroghiamo tutte le altre scelte di vita a data da destinarsi.

E ci si chiede anche come sia possibile tutto questo, quale assurdo meccanismo sia rimasto inceppato, lasciando credere agli altri che le cause ricercate nella politica ridicola, nella burocrazia lenta, nella filosofia di vita poco meritocratica, nel brutto andazzo di un Paese retrogrado, siano solo una vecchia cantilena noiosa, mentre “essere figlio di…” è un vanto e purtroppo apre ancora molte porte, a discapito di chi è costretto a tornare a casa a testa bassa dai genitori perché non può permettersi un’esperienza fuori senza lavoro. Lavoro che poi, quando c’è è sempre più a progetto e a scadenza, nascosto dietro assurdi cavilli burocratici a vantaggio del “capo”, ridicolizzato da contratti al limite della legalità e della dignità, a nero, nel migliore dei casi.

Perché essere costretti ad aver paura nel chiedere che fine hanno fatto il merito, i sacrifici, il talento? Perché essere costretti a rinunciare a queste parole? Davvero i nostri genitori non possono più essere in grado di rispondere ai nostri interrogativi e consolarci? Davvero tra qualche decennio saremo seriamente costretti a combattere il problema di una pensione non affatto assicurata?

Mi rifiuto di accettare una tale condizione, ma sono anche consapevole che di bocconi amari dovrò buttarne giù ancora molti. Vorrei poter essere consolata in qualche modo, sapere che prima o poi tutto andrà bene, che arriverà anche il mio turno e invece ogni giorno mi ritrovo a mettere in dubbio le mie capacità, se puntualmente il mio curriculum e le mie proposte vengono ignorate, mettendo a dura prova il mio livello di sopportazione. Credo fortemente nella formazione, ma che sia giusta ed efficace. Non si smette mai di imparare, ma è necessario che ci venga anche data fiducia e che veniamo messi alla prova. Sul serio

Con questa convinzione e con la speranza che qualcosa di positivo finalmente avvenga, vi rimando alla galleria Youtube del documentario, per quanti ancora non hanno avuto la possibilità di vederlo e mi auguro che questo post possa in qualche modo diventare un raccoglitore di esperienze, di pensieri intelligenti, un angolo per il confronto e i suggerimenti e perchè no, una scatola di pareri e racconti positivi e di speranza. Vi aspetto!

6 commenti:

Anonimo,  27 ottobre 2011 20:26  

a meno che non ci sia una rivolta generale di tutti, ma proprio tutti noi giovani, penso che le cose resteranno immutate. Anzi, peggioreranno e si toccherà il fondo finchè tutti i sogni verranno spezzati. Non è un voler essere pessimista ma mi attengo alla realtà. Restiamo con l'unica speranza che qualcosa possa cambiare

Shaina ♥ 27 ottobre 2011 21:10  

Ho studiato tanto nella mia vita e adesso mi ritrovo senza lavoro... Volevo fare la ricercatrice ma non ci sono soldi all'università... E io non ho voglia di andare via da questo paese ma a volte mi sembra di non avere altra scelta...

Anna 27 ottobre 2011 22:18  

Anonimo, purtroppo temo che sia nella nostra indole lamentarci e non passare mai all'azione, quindi come dici tu, ahimè, le cose non cambieranno molto facilmente. Ma mi fa rabbia vedere così tanta gente di talento e innamorata del suo paese doversi arrendere per colpa di chi ci vuole ignoranti, muti a testa bassa e privati non solo degli averi, ma anche dei sogni!

Anna 27 ottobre 2011 22:20  

Sembra scontato, ma mi dispiace davvero tanto Shaina! Per te e per quanti come te hanno il sogno di rendere migliore il mondo con la ricerca e purtroppo non possono realizzarlo!

Federica 28 ottobre 2011 09:24  

completamente d'accordo...lo sai che conosco la ragazza con il cartello " non è un paese per giovani"? ma la foto è di qualche anno fa vero?

Anna 28 ottobre 2011 14:52  

Davvero Federica? :) Peccato non ricordo la fonte della foto, sicuramente di qualche anno fa. Mi auguro solo che non le dispiaccia vedersi "allegata" nel mio post...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

  © Blogger templates The Professional Template by Ourblogtemplates.com 2008

Back to TOP