lunedì 18 gennaio 2010

Avatar: impressioni (poche per non anticiparvi nulla) sul film

Abbiamo rischiato di non fare più nulla, prima ancora di partire sapevamo che la sala era tutta prenotata e che ci sarebbe stata molta confusione, ma non ci siamo scoraggiati. Abbiamo aspettato mezz'ora in attesa che scadessero le prenotazioni e noi potessimo prendere i posti disponibili, ci siamo riusciti ma eravamo in prima fila e ho ascoltato in silenzio i brontolii di chi rischiava di spezzarsi collo e schiena per guardare il film, ma non mi importava nulla, volevo solo vederlo e ci sono riuscita. Finalmente in 3d.


Appena uscita dalla sala ho detto ai miei amici che è il primo film con una morale dopo tante pellicole di storie banali viste recentemente al cinema. Avatar non ha la presunzione di raccontare una storia vera, nè tantomeno di sconvolgere gli spettatori con un finale a sorpresa, ma dietro quegli alieni, dietro Pandora, il loro pianeta, si nasconde la storia dell'uomo, fatta di dominazioni e sottomissioni, di deturpamenti di luoghi incontaminati, di distruzione della natura. Avatar è una storia inventata, certo, e mai si penserebbe di emozionarsi per un popolo di giganti blu che volano su pseudo-pterodattili e vivono in una foresta incantata, ma l'effetto è quello di assistere a una delle tante cazzate fatte dall'uomo nel corso dei secoli,  spesso spinto da sporchi giochi di potere e portato a sconvolgere equilibri inviolabili, quasi sacri, anche a costo di compromettere se stesso.

Non vi dirò altro, so che alcuni di voi andranno a vederlo in questi giorni, ci tenevo però a parlarne bene, per svariati motivi, uno tra i tanti la regia. James Cameron infatti non ha bisogno di presentazioni, ma più volte è stato criticato per i suoi film, scontati alcuni dicono. Io trovo che abbia saputo dirigere un'ottima pellicola magistralmente e che soprattutto con il suo lavoro abbia dato il via alla vera filmografia tridimensionale, che sicuramente nel giro di pochi anni si diffonderà a macchia d'olio. Consigliato? Assolutamente sì!
 
 
 
 
 
 


4 commenti:

Hobbit84 18 gennaio 2010 09:33  

al di là del 3D, che in parte mi ha un po' deluso, il film mi è piaciuto un po', è riuscito ad emozionarmi, come giustamente hai detto, come pochissimi film ultimamente, e fa riflettere..
e poi, che magia per gli occhi quegli scenari e colori! :)

Anna 18 gennaio 2010 09:40  

@ Hobbit84: il 3d è tutto da scoprire e da perfezionare, ma nonostante tutto l'ho trovato soddisfacente. Per gli scenari, invece, ogni volta che ne riprendevano uno rimanevo a bocca aperta! :)

Iole 18 gennaio 2010 16:30  

devo andare a vederlo assolutamnete e sono sicura che non mi deluderà. bacioni!

Anna 21 gennaio 2010 09:04  

@ Iole: dimmi che ne pensi poi, mi raccomando :)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

  © Blogger templates The Professional Template by Ourblogtemplates.com 2008

Back to TOP