martedì 12 gennaio 2010

Io studio con TIM

Tanti anni fa, più o meno all'epoca del mio primo cellulare, avevo un numero TIM. Tuttora il mio numero, che è ormai passato ad un altro operatore, è spudoratamente TIM e se fossi ancora studentessa e avessi meno soldini in tasca, probabilmente accoglierei con molto più entusiasmo questa notizia comunque molto interessante.


TIM infatti partecipa ora al progetto del Ministero dell'Istruzione per la Carta dello Studente "Io Studio", che permette agli studenti di scuola superiore di usufruire di vantaggiose agevolazioni nel mondo della comunicazione. Il MIUR infatti sta fornendo a tutti gli studenti una carta che permetterà loro di usufruire di agevolazioni economiche per l’accesso ai servizi e alle strutture che rientrano nel panorama del patrimonio culturale italiano. E siccome oggi, per fortuna aggiungerei, la cultura viaggia anche sul web e con la telefonia Telecom Italia Mobile ha deciso di divenire uno dei partner dell'iniziativa offrendo soluzioni davvero interessanti.

Tra le offerte infatti ci saranno:

-TIM@School, l'opzione che permette di chiamare, videochiamare, inviare SMS e MMS verso tutti i numeri TIM senza limiti e senza scatto alla risposta a 2 euro a settimana;

- Internet@School che permette di inviare Instant Messages, Mail ed essere sempre online sui Social Network;
- le due offerte con chiavetta, per navigare in Internet fino a 7.2 Mbps per 24 mesi scegliento tra 30 ore/mese al costo di 8 euro al mese oppure 100 ore/mese al costo di 15 euro al mese;
- l'offerta con il NoteBook (+ Chiavetta TIM), che permette di navigare in Internet ad alta velocità per 100 ore/mese con soli 25 euro al mese per un periodo di 24 mesi.



Un buon modo quindi per conciliare le esigenze dei ragazzi, rispettando il portafoglio dei genitori. Per attivare le offerte basta accedere al sito www.iostudiocontim.it ed effettuare il login inserendo i dati della propria Carta dello Studente. Basterà scaricare il coupon per attivare l'offerta e portarlo insieme alla Carta dello Studente in un centro TIM.


Ricordo inoltre che la campagna culminerà con un evento che si terrà a Febbraio in piazza Duomo a Milano.
Verranno diffusi in rete ora e giorno dell'incontro durante il quale ci sarà il primo Flash- Swappin organizzato in Italia sul tema della cultura. In quell'occasione gli studenti potranno scambiarsi oggetti che per loro rappresentano la cultura al giorno d'oggi.


4 commenti:

Anonimo,  13 gennaio 2010 11:20  

Posso sapere come fai a scrivere per un giornale,ergo fare la giornalista ( se così può essere definito il tuo ruolo), senza laurea???

Anna 13 gennaio 2010 11:40  

Caro anonimo, mi piacerebbe che ti identificassi, così se per caso hai bisogno di maggior chiarimenti potrei risponderti personalmente.

Per tua informazione giornalisti lo si diventa in due modi: seguendo il percorso da pubblicista oppure quello da professionista. Al momento sto seguendo quello da pubblicista e entro la fine del mese verrò iscritta all'albo di questa categoria, pertanto sarò giornalista a tutti gli effetti, con il vantaggio di poter svolgere contemporaneamente altri lavori. Per questo percorso non è necessaria una laurea (non per questo snobbo l'università, anche perchè sono in dirittura d'arrivo anch'io), ma sono necessari 65 articoli scritti per dei giornali riconosciuti dal tribunale, firmati e convalidati dal direttore della testata.

Quanto al mettere in discussione la qualità del mio lavoro, puoi giudicarla solo ed esclusivamente in base ai miei articoli, non dal fatto che non posseggo ancora un titolo di studio alto! Altri chiarimenti?

Anonimo,  13 gennaio 2010 19:37  

No nessun'altro grazie! Comunque colgo il tuo chiarimento come un consiglio, scrivo 65 cazzate su scarpe,borse e accessori, su altri 65 testate mediocri e divento giornalista anche io!!!!!!!!!!!!!!!! :) bello così evito di arenarmi all'univarsità come TANTI. GRAZIE!

Anna 13 gennaio 2010 19:46  

Qual è il tuo problema? Noto del sarcasmo, magari mi sbaglio, in ogni caso se la pensi così sbagli di grosso. Scrivere dei pezzi è un conto, la qualità è un'altra cosa e quella è discutibilissima in base a cosa hai davanti. Inoltre il giornalismo non è solo fatto di moda o "cazzate": ci sono tanti altri ambiti e modi per farlo. Se tutti parlassimo solo di cazzate, verrebbe meno il senso più alto del termine. E poi se trovi così inutile l'università hai mai pensato di smettere di frequentarla e magari trovarti un lavoro? Faresti sprecare meno soldi ai tuoi e saresti più gratificato tu. L'università è FONDAMENTALE per la tua cultura, oltre che per il tuo futuro. Se poi hai dei parametri diversi non spetta a me giudicarlo!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

  © Blogger templates The Professional Template by Ourblogtemplates.com 2008

Back to TOP